Patologie orali

patologie orali

A livello orale esistono patologie locali o espressioni di patologie sistemiche che si manifestano a livello orale. Le patologie vanno da semplici infiammazioni locali come una papillite o una gengivite fino ad arrivare a patologie complesse come i tumori. Le patologie orali possono coinvolgere tutti i tessuti da quelli mucosi a quelli connettivi, dai tessuti ossei a quelli ghiandolari. Patologie sistemiche possono essere rappresentate o evidenziate da manifestazioni orali come nell’HIV che nella sua fase patologica cioè l’AIDS può presentare piccole lesioni a livello orale che compaiono molto prima di qualsiasi altra manifestazione. Si possono ritrovare a livello orale altre lesioni benigne bianche o rosse, cisti, angiomi, epulidi, ecc. Si possono ritrovare lesioni ossee come tumori o lesioni benigne tipo cisti o addensamenti ossei. Anche a livello cutaneo periorale si possono avere lesioni che il dentista è spesso il primo a notare, da una semplice chelite angolare sino ad un melanoma. Per queste ragioni le visite odontoiatriche sono importanti, non solo per i denti ma per tutto il sistema stomatognatico. La bocca e i suoi componenti non sono organi indipendenti da tutto il resto e la perfezione della “macchina” umana è data da una relazionalità e convergenza di ogni cellula, tessuto, organo o sistema. A tal proposito è da elogiare l’iniziativa dell’ANDI per aver istituito l’ Oral Cancer Day dove i pazienti possono farsi controllare gratuitamente da professionisti accreditati che si offrono volontariamente.

Patologie orali
Ciste follicolare di grosse dimensioni

16 pensieri su “– Patologie orali

  • 6 maggio 2017 alle 21:20
    Permalink

    Buonasera Dottore.
    Oggi ho usato il filo interdentale e per sbaglio mi sono tagliata la gengiva e mi è uscito un Po di sangue… la gengiva adesso è gonfia e infiammata… ho fatto degli sciaqui con acqua e sale ma vorrei sapere che medicinale poter prendere per la gengiva gonfia e dolorante causato dal filo interdentale che evidentemente mi ha tagliata. Spero in una sua risposta. La ringrazio anticipatamente

    Rispondi
    • Dott. Jacopo Cioni
      8 maggio 2017 alle 01:31
      Permalink

      Salve
      Come le ho detto su facebook non posso suggerire una farmaco senza un’adeguata diagnosi.
      Dott. Jacopo Cioni

      Rispondi
  • 24 gennaio 2017 alle 09:11
    Permalink

    Buongiorno, circa 20 giorni fa mi sono svegliata con un forte dolore ad un premolare sinistro. Nei giorni successivi ho iniziato ad avvertire una forte sinusite con muco maleodorante. Ho effettuato lavaggi nasali ma la situazione non andava a migliorare. A distanza di 20 giorni non avverto più muco e odori strani, decido però di rivolgermi ad un otorino che mi prescrive una TAC dei seni paranasali. Oggi ho ricevuto i risultati della tac che ha rinvenuto una sinusite mascellare odontogena che parte da un granuloma di un premolare. La mia domanda è questa, quanto è grave questa patologia? L’otorino mi consiglia una cura di 3 mesi (con spray nasali, non antibiotica) prima di effettuare una nuova Tac ed eventualmente rivolgermi ad un odontoiatra. Secondo voi è il caso di aspettare 3 mesi? L’antibiotico è consigliato? La sinusite potrebbe peggiorare e trasformarsi in qualcosa di molto più grave? Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti

    Rispondi
    • Dott. Jacopo Cioni
      30 gennaio 2017 alle 00:25
      Permalink

      Salve

      Se la sinusite è di origine odontogena l’azione locale serve a poco se non mantenere l’infezione sedata, ma non la elimina. Si deve agire a livello del dente in oggetto o mediante un ritrattamento endodontico che sigilli correttamente i canali o se non è possibile anche con l’avulsione del dente essendo coscienti che si potrebbe avere una comunicazione oro-sinusale durante l’intervento ma che se correttamente trattata non crea grossi problemi. Infine ripetere la tomografia a distanza per assicurarsi che tutto sia a posto.

      Dott. Jacopo Cioni

      Rispondi
  • 20 settembre 2016 alle 23:55
    Permalink

    BUONA sera dottore. Mi chiamo Gabriela e vorrei tanto una sua parere.questo anno in mese di maggio mi se gonfiato la gengive indietro del dente di giudizio arcata inferiore destra ma la parte interna della gengive verso la lingua e gola di quasi 1 cm quasi fino alla apertura della mandibula.Vado dal dentistae mi dice di fare una bella detratrasi che si sgonfera.ho fatto e non e pasato.vado dal dentista e mi dice togliamo il dente di giudizio e passera.Ho tolto il dente di giudizio a inizio di luglio e fino oggi non è passato
    Adesso mi trovo con un Buco e pure tessuto mole leggermente gonfio che da fastidio perché ho impressione che toca la lingua. Mi scuso per errori gramaticali…sperando che lei ha capito il mio problema vorrei chiederli come posso fare di togliere quel fastidio un un leggero gonfiore dal tessuto molle? ? Grazie mille

    Rispondi
    • Dott. Jacopo Cioni
      24 settembre 2016 alle 17:32
      Permalink

      Salve

      bhe se la causa era l’ottavo il problema doveva sparire. Le informazioni che mi ha fornito sono scarse, forse una complicanza post estrattiva, farei una lastra di controllo da far vedere al suo dentista.
      Dott. Jacopo Cioni

      Rispondi
    • 11 gennaio 2017 alle 11:26
      Permalink

      Salve dottore,mi chiamo Francesca e vorrei tanto un suo parere. e’ da piu’ di due mesi che ho mal di denti,precisamente un dente dell’arcata superiore destra ,spezzato. ho seguito la cura antibiotica data dal dentista perche’ mi avevano detto che si poteva recuperare e devitalizzare invece di toglierlo, andata a visita il dentista me lo devitalizza con l’infezione ed io continuo ad avere sempre dolore che arrivava fino alla testa,la faccia gonfia e il palato diventato sensibilissimo. ritorno ancora una volta e il dentista mi da delle punture perche’ nel dente cera ancora infezione, ho fatto 12 punture antibiotiche ma l’infezione cera ancora,quindi tre giorni fa decidono di toglierlo anche con un po’ di infezione. ho continuato fino ad ieri a fare le punture antibiotiche,ma oggi continua ad avere un dolore e bruciore al palato,la guancia gonfia e quando provo a toccare la guancia nella parte dove cera il dente sento come una piccolissima pallina.
      non so se mi sono espressa bene ,ma spero abbia capito la mia situazione e possa darmi dei giusti consigli. la ringrazio anticipatamente. saluti

      Rispondi
      • Dott. Jacopo Cioni
        15 gennaio 2017 alle 12:40
        Permalink

        Salve

        Difficile capire esattamente il problema, ma se ha rimossso il dente ha rimosso anche la patologia ad esso legato. L’unica cosa che può venirmi in mente è che si tratti di un’altro dente o di un problema diverso da quello dentario.

        Dott. Jacopo Cioni

        Rispondi
        • 26 gennaio 2017 alle 17:45
          Permalink

          salve dottore,facendo le radiografie il dentista si accorge di una pallina di cemento nel seno mascellare,rimasta dentro a causa della devitalizzazione ,io ho sentito diversi medici, cè chi mi dice che questa pallina di cemento va tolta perche’ porta dei problemi, invece il mio dentista mi dice che questo cemento che serve per la devitalizzazione non causa assolutamente dei problemi. e che questo fastidio che io sento ancora nel palato e nel labbro è perche la ferita dell’asportazione del dente è ancora aperta. adesso voglio chiederle cosa mi consiglia lei,se magari con questa mia breve descrizione sono riuscita a porgerle meglio il problema. con la speranza di risolverlo la ringrazio anticipatamente del suo parere.

          Rispondi
          • Dott. Jacopo Cioni
            30 gennaio 2017 alle 00:19
            Permalink

            Salve

            Si tratta di un corpo estraneo. Aspetterei la guarigione dell’area interessata, ma poi valuterei attentamente se rimuovere il residuo.

            Dott. Jacopo Cioni

  • 8 settembre 2016 alle 10:20
    Permalink

    Ho un primo molare piuttosto sensibile, non proprio dolore ma fastidio, La cosa strana e’ che non succede mai quando mangio ma nei momenti in cui bevo acqua fredda o non stia mangiando nulla. Sono andato dal dentista (che mi ha trovato altre 3 cariette nella parte superiore e la necessita’ di una pulizia generale) ma nulla relativo alla parte inferiore al primo molare in questione. Il dentista ha messo un gel per desensibilizzarlo ma dice che non c’e’ niente di preoccupante e che magari ho strofinato troppo forte con lo spazzolino. E’ vero che uso uno spazzolino troppo duro e che a volte per la fretta strofino troppo forte, ma il tutto mi sembra molto strano. Qualche suggerimento?

    Rispondi
    • Dott. Jacopo Cioni
      12 settembre 2016 alle 20:59
      Permalink

      Salve
      Molto probabilmente si tratta di una decalcificazione superficiale, spesso dovuta a eccessi di zucchero localizzati (caramella sempre nello stesso punto vicino al dente) o da dentifrici sbiancanti. Conviene usare un dentifricio desensibilizzante lavandosi i denti con uno spazzolino di media durezza e acqua tiepida. Si può usare un gel, actisen gel, da applicare sul dente sensibile come ultima cosa prima di andare letto senza sciacquare.
      Dott. Jacopo Cioni

      Rispondi
  • 23 agosto 2016 alle 18:15
    Permalink

    Salve a mio figlio 28 anni gli stanno uscendo i denti del giudizio e dopo tre giorni di febbre alta ora sono quattro giorni che ha la febbre 37,5 gengive infiammatissime e dolore dove i denti escono il dentista di fiducia è in ferie. La mia domanda è :è normale che tutto ciò perduri? Grazie

    Rispondi
    • Dott. Jacopo Cioni
      1 settembre 2016 alle 12:36
      Permalink

      Salve

      Può succedere che si sviluppi un’infezione. Lo faccia vedere presso la guardia medica, magari gli forniscono una terapia antibiotica corretta. Potrebbe trattarsi anche di una concomitanza con uno stato febbrile.

      Dott. Jacopo Cioni

      Rispondi
  • 3 febbraio 2015 alle 11:38
    Permalink

    Buongiorno dottore, circa 20 giorni fa mi è stato estratto un dente del giudizio, nell’arcata inferiore. Dopo qualche giorno ho cominciato ad avvertire dei dolori quando bevo acqua a temperatura ambiente, e di notte tutta la parte sinistra (quella del dente estratto) mi inizia a dolere, poi da sola il dolore passa. Sono tronato dal dentista e mi ha detto che c’è una infiammazione, mia ha pulito la zona, mi ha messo una proteina. Ma ad oggi se manfio o bevo sento dolori alla pressione e nel bere, dolori che passano dopo diversi minuti. Cosa ne pensa. Spero di essere stato chiaro. Grazie

    Rispondi
    • Dott. Jacopo Cioni
      2 agosto 2015 alle 17:11
      Permalink

      Salve

      Probabile una sovrainfezione della ferita o che sia un’alveolite post estrattiva. Consulti di nuovo il suo dentista e si faccia aiutare con una terapia farmacologica.
      Dott. Jacopo Cioni

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.